Comunicati Stampa

Concerto per un amico, in ricordo di Luigi Fricchione

Entra nel vivo l’attività autunnale del Conservatorio “Domenico Cimarosa”, presieduto da Achille Mottola e diretto da Maria Gabriella Della Sala.
Si parte mercoledì 28 settembre, con un doppio appuntamento. Alle ore 16.30, nell’aula Mazzotta terzo incontro della rassegna editoriale “Parole di Musica”, curata da Fiorella Taglialatela. Alle ore 17.00 nell’Auditorium “Vincenzo Vitale”, nell’ambito della rassegna “Alto Rendimento”, in scena Kairos Percussion, con le esecuzioni di Edoardo Alvino, Davide Pandolfi, Roberta Giordano.
Il 29 settembre, tornano “I giovedì cameristici”. L’appuntamento con “Il pianoforte tra 4 e 6 mani” è alle ore 17.00 nell’Auditorium “Vitale” con i pianisti Lorenzo Fiscella, Giuseppe Di Lorenzo, Cristina Iuliano, che eseguiranno brani di Aleksandr Porfir'evič Borodin, Charles Camille Saint-Saens, Stefano Brezza, Paul Juon.
Giovedì 29 e venerdì 30 settembre la masterclass di violino Barocco tenuta da Boris Begelman. 
Venerdì 30 settembre (ore 19) si chiude la seconda edizione della rassegna internazionale “Chitarre al Cimarosa”. In programma per l’ultimo appuntamento “Concerto per un amico”, in ricordo di Luigi Fricchione, giovane chitarrista avellinese scomparso tragicamente nel 1989.
Sabato 1° ottobre, a Solofra, presso il Convento di San Francesco, alle 20.30 concerto dell’Ensemble di Strumenti Antichi che, diretto dal M° Pierfrancesco Borrelli, suonerà musiche di Vivaldi, Bach, Purcell e Scarlatti, con la partecipazione del violino solista e di concerto Boris Begelman.

Conservatorio, sabato il concerto per la Pace

Si è chiusa la seconda edizione del Premio Cimarosa, coordinata dal M° Massimo Severino, che ha visto la partecipazione di 50 i concorrenti, distribuiti in 18 ensemble, di cui 2 del dipartimento jazz. La giuria presieduta dal M° Bruno Canino ha assegnato il primo premio al duo composto da Manuel Molinario (oboe) e Miki Lubrano Lavadera (pianoforte), allievi della classe del M° Massimo Testa. Secondo premio al Fanny Quartet, terzo al Fairy Guitar Quartet.
Dal 20 settembre riprendono gli appuntamenti del Conservatorio con un omaggio al compositore Azio Corghi nell'ambito della rassegna “Le Scritture”. Alle 10.30 il seminario nell'Aula Magna “Mario Cesa” a cura del M° Alessandra Bellino: un focus sul teatro musicale d’opera del compositore, musicologo e docente, moderato dal M° Vincenzo Gualtieri. E sempre per “Le Scritture”, mercoledì 21 settembre, spazio a “Musica e Cinema”, visione e analisi delle musiche del film “Tre colori – film blu” di Krzysztof Kieslowski a cura del M° Antonio Fresa.
Sabato 24 settembre nell’ambito di “Riscopriamo Avellino”, le visite guidate organizzate dall’Amministrazione Comunale, concerto del quartetto di fiati composto da Giosuè Castaldo (sax soprano), Luciano Rella (sax contralto), Antonio Santillo (sax tenore) e Adele Saulino (sax baritono), suoneranno: Il postino, Moon river, The entertainer, The pink panther, Nuovo cinema paradiso, La vita è bella.
Sabato 24 settembre “Concerto per la Pace” alle ore 19.00 nell’Auditorium “Vincenzo Vitale”. L’Orchestra Ritmico Sinfonica e il Coro Polifonico, diretti dal M° Alessandro Crosta, eseguiranno musiche del compositore gallese Karl Jenkins.

Torna il “Premio Cimarosa”, Bruno Canino presidente di giuria

Quattro giorni di masterclass tra percussioni e pianoforte. Si apre così la settimana ricca di eventi del Conservatorio “Domenico Cimarosa”. Oggi e domani l’appuntamento nell’Aula Magna “Mario Cesa” è con il M° Rocco Luigi Bitondo, percussionista, assistente ai timpani dell'Orchestra del Teatro dell'Opera di Roma; il 14 e il 15 settembre, invece, sarà la volta del M° Bruno Canino, che prima di sedere tra i banchi della giuria per la II edizione del Concorso Premio Conservatorio Cimarosa in qualità di Presidente, terrà una masterclass per gli studenti di pianoforte.
Nell’Aula Magna “Mario Cesa”, giovedì 15 settembre alle 15.00 parte la tre giorni di studi dedicata a Crescenzo Buongiorno (Bonito 1864 - Dresda 1903) violoncellista e compositore di origini irpine.
Nella prima giornata del Convegno Internazionale di Studi - che gode del patrocinio di Mur, Regione Campania, Provincia Di Avellino e Comune di Bonito – interverranno il presidente del Conservatorio, Achille Mottola, il direttore M° Maria Gabriella Della Sala, il presidente della Provincia di Avellino, Rizieri Buonopane, e il sindaco di Bonito, Giuseppe De Pasquale.
Venerdì 16 e sabato 17 settembre torna il Premio Cimarosa, con il coordinamento del M° Massimo Severino. Il concorso, giunto alla seconda edizione, quest’anno è dedicato esclusivamente alla musica d'insieme.

Al “Cimarosa” il convegno internazionale su Crescenzo Buongiorno

Si è tenuta questa mattina presso la Biblioteca del Conservatorio “Domenico Cimarosa”, la conferenza stampa di presentazione del convegno dedicato al violoncellista e compositore di origini irpine, Crescenzo Buongiorno.
Il presidente Achille Mottola, il direttore Maria Gabriella Della Sala e il M° Luigi Sisto (coordinatore scientifico dell’evento), nel presentare la tre giorni di studi hanno evidenziato «l’importanza dell’iniziativa. È la prima volta che viene dedicato un convegno di studi alla figura del compositore e violoncellista Crescenzo Buongiorno. Una figura di alto spessore, artistico ed umano. Originario di Bonito, dopo l’esordio al Real Collegio di Musica di Napoli, su invito dell’ex ministro Pasquale Stanislao Mancini, come scrive nella sua autobiografia, compose una Pia dei Tolomei».
«Durante la tre giorni di studi – hanno continuato il presidente Mottola e il direttore Della Sala – racconteremo la figura del compositore irpino, che ha legato il suo nome alla produzione di opere musica per violoncello, opere liriche, operette, romanze, musica sacra e partiture per banda».
Il convegno dedicato a Crescenzo Buongiorno, si terrà ad Avellino nelle giornate del 15 e 16 settembre, mentre a Bonito il 17 settembre.

Torna Interferenze con Torquati e il sound designer Westkemper

Riprende dopo la pausa estiva l’attività didattica e concertistica del Conservatorio “Domenico Cimarosa”, presieduto da Achille Mottola e diretto da Maria Gabriella Della Sala.
Da oggi e fino a mercoledì 7 settembre si terrà la Masterclass dedicata alla vocalità moderna e contemporanea a cura del M° Monica Benvenuti, cantante lirica, docente presso il Conservatorio di Castelfranco Veneto, specializzata nel repertorio contemporaneo, già solista apprezzata a cui grandi compositori hanno dedicato brani del loro repertorio.
La Masterclass sarà dedicata allo studio e all’approfondimento di brani per voce ed ensemble del repertorio moderno, con particolare riguardo a composizioni di Poulenc, Berio, Dalla Piccola. In programma anche approfondimenti storico/analitici, a cura dei maestri Alessandra Bellino e Gianvincenzo Cresta. I brani in programma saranno poi eseguiti in concerto dai migliori allievi della Masterclass giovedì 15 settembre, nell’ambito del progetto del Laboratorio di Ensemble di Musica Contemporanea, a cura del M° Massimo Testa, coordinatore della Master.
Il 7, 8 e 9 settembre torna al “Cimarosa” la IV edizione di "Interferenze", con i suoi laboratori di esecuzione e interpretazione della musica elettroacustica.
Il sound designer Hubert Westkemper e il pianista Emanuele Torquati daranno "Spazio al Pianoforte": il workshop sarà una incredibile avventura alla ricerca di soluzioni creative per la spazializzazione nel repertorio per pianoforte preparato ed elettronica su supporto.

Il Modern Ensemble porta in scena il Varietè di Kagel

Entra nel vivo l’attività concertistica estiva del Conservatorio «Domenico Cimarosa», presieduto da Achille Mottola e diretto da Maria Gabriella Della Sala.
Mercoledì 13 luglio, alle ore 20.30, nell’incantevole scenario del Palazzo Abbaziale di Mercogliano, gli studenti della Scuola di Jazz saranno i protagonisti dell’apertura di serata. Sei i brani in scaletta, tra cui le interpretazioni di Choro bandido e Valsa brasileira di Chico Buarque, uno dei più grandi compositori della musica popolare brasiliana e l’omaggio a Pixinguinha, Maestro del Chorinho. A seguire, sul palco del chiostro settecentesco, sarà la volta dei docenti del «Cimarosa»: Aldo Farias, Stefania Patanè, Mario Nappi, Tommaso Scannapieco, Andrea Avena e Lorenzo Tucci. Un concerto, quello dei Maestri della Scuola di Jazz, dedicato ad Antonio Carlos Jobim, considerato un architetto della musica brasiliana, inventore del genere bossa nova e protagonista della musica popolare brasiliana.
Annullato per motivi tecnici il concerto dell’Ensemble di Strumenti Antichi del Cimarosa in programma al Loreto il 14 luglio.
Venerdì 15 luglio (ore 20.00) presso l’Auditorium «Vincenzo Vitale» del Conservatorio l’appuntamento è con Varietè, “Concerto spettacolo per artisti e musicisti”, con musiche di Mauricio Kagel. L’evento segna il debutto per l’Anno Accademico 21/22 del progetto di Ensemble di musica contemporanea, a cura del Maestro Massimo Testa, finalizzato alla formazione degli allievi dell’istituzione nel repertorio specifico nel periodo moderno e contemporaneo.

Musica in Abbazia, nel chiostro del Loreto tra classica e jazz

Tre concerti nell’incantevole scenario del chiostro settecentesco del Loreto a Mercogliano. In occasione di Musica in Abbazia, ad alternarsi sul palco, nelle serate del 9, 13 e 14 luglio, saranno: l’Ensemble di strumenti antichi del Cimarosa, il Coro del Conservatorio, gli studenti ed i Maestri della Scuola di Jazz.
Sabato 9 luglio, in occasione della presentazione al pubblico dei lavori di restauro del Palazzo Abbaziale, il concerto inaugurale (ore 20.30). Ad interpretare brani di Bach, Pachelbel e Traetta, sarà l’Ensemble di Strumenti Antichi diretto dal Maestro Pierfrancesco Borrelli - con la partecipazione di Gennaro Rizzuto (oboe), Maria Alvino (soprano) e Flavia Fioretti (contralto) – che accompagnerà il Coro del Conservatorio Cimarosa diretto dal Maestro Maria Cristina Galasso (aiuto maestro Antonio Ferraro, soli coro: Marika Pelonero soprano e Miriam Tufano mezzosoprano).
Mercoledì 13 luglio (ore 20.30) serata jazz, con apertura degli studenti del Dipartimento jazz del Conservatorio "Domenico Cimarosa" dedicata ai ritmi del Brasile. A seguire il concerto con Aldo Farias, Stefania Patanè, Mario Nappi, Tommaso Scannapieco, Andrea Avena e Lorenzo Tucci.
Giovedì 14 luglio (ore 20.30) l’Ensemble di Strumenti Antichi del Cimarosa, diretto dal Maestro Borrelli, con la partecipazione del violino solista Monika Toth, Francesco Apostolico (violino), Vincenzo Corrado (violino di concerto) e di Gerardo Del Gaudio (oboe), eseguiranno – tra gli altri brani - il Concerto In Do Minore Bwv 1060 di Bach, il Concerto dall’Estro Armonico op. 3 di Vivaldi e il Concerto grosso nr. 5 di Avison e Scarlatti.

Parthenoplay, omaggio a Napoli nella corte del Casino del Principe

Dal Casino del Principe al Museo della Ceramica di Ariano Irpino, passando per l’Auditorium «Vitale». Settimana ricca di eventi per il Conservatorio «Cimarosa», che sabato 9 luglio parteciperà con l’Ensemble di strumenti antichi alla rassegna Musica in Abbazia, nei giardini del Loreto, nella serata inaugurale del restaurato chiostro.
Giovedì 7 luglio l’appuntamento (ore 20.00) è al Casino del Principe con Parthenoplay. Organizzato in collaborazione con il Comune di Avellino, è un omaggio a Napoli con i capolavori senza tempo di Viviani, Bovio, Nicolardi, Denza, E.A. Mario fino a Renato Carosone e Pino Daniele. Voce solista Marina Bruno, con lei sul palco Giuseppe di Capua (pianoforte), Pierpaolo Bisogno (vibrafono e percussioni), Tommaso Scannapieco (contrabbasso) e Lorenzo Tucci (batteria).
Ad Ariano Irpino (ore 20) al Museo della Ceramica è in programma l’appuntamento con i “Giovedì Cameristici”. Il programma del concerto, dal titolo L'Europa in Musica nel Primo 900 - “Un Ponte per l'Europa”, propone brani di Gustav Mahler e Joaquin Turina, interpretati da Vincenzo Aurilio, violino e viola solista; Fiammetta Drammatico, viola; Severo Aurilio, violoncello; Amedeo Aurilio, pianoforte; Yuri De Simone e Marco De Caro, violini.
Doppio appuntamento anche venerdì 8 luglio: alle ore 17 nell’Auditorium «Vitale» le esercitazioni accademiche degli studenti del Maestro Sabrina De Carlo. Mentre in serata (ore 21) a Venticano, il Maestro Carlo Goldstein dirigerà l’Orchestra Sinfonica del Cimarosa, con la partecipazione di Giovanni Masi alla chitarra.

Chitarre al Cimarosa, Viti suona Napoli con una Fabricatore dell’800

Dopo il successo registrato ad Avellino, il Coro delle Voci Bianche replica a Solofra. Martedì 28 giugno, alle ore 19.00, i piccoli coristi del Cimarosa si esibiranno a Palazzo Orsini. Diretti dal Maestro Gina Grassi, il Coro sarà accompagnato da Concetta Varricchio al pianoforte, Nicola Cirino, Maria Lamberti, Luisa Santangelo, Maria Azzurra Martini (clarinetti), Eduardo Alvino alle percussioni e dalle voci soliste di Laura Pia Panarella e Maria Esposito.
Giovedì 30 giugno, invece, torna l’appuntamento con Le Scritture (ore 19.00 Aula Magna «Mario Cesa»). Il progetto si occupa delle scritture del suono nelle sue multiformi declinazioni. L’ultimo incontro prima della pausa estiva, focalizzerà l’attenzione sulle sintesi ritmiche della poesia e del canto.
Doppio appuntamento venerdì 1° luglio. Nell’ambito de “I Concerti Cameristici del Cimarosa”, sul palco dell’Auditorium «Vitale» (ore 20), il quartetto composto da Carmela Osato (soprano), Carmine Laino e Vincenzo Bruschi (contrabbasso) e Pierfrancesco Borrelli (pianoforte) interpreterà “Virtuosismo e passione nei salotti romantici di Giovanni Bottesini”.
Mentre alle ore 20 nell’Aula Magna «Mario Cesa» torna “Chitarre al Cimarosa”. La rassegna internazionale, alla sua prima edizione, dedicherà il nono appuntamento a “La chitarra a Napoli tra Settecento e Ottocento”. Il programma vede protagonista una splendida chitarra Gennaro Fabricatore del 1826, appartenente alla collezione privata del noto liutaio di violini Vincenzo Anastasio, affidata in uso dal proprietario a Piero Viti. Il programma del concerto è incentrato su pagine di chitarristi legati alla coeva Scuola Napoletana sette-ottocentesca, tra cui quelle di alcuni celebri maestri che utilizzarono come proprio strumento una chitarra Gennaro Fabricatore. Opening: Davide Ferrara.

Festa della Musica si replica tra jazz ed elettronica, aspettando Varela

Successo per la prima giornata della Festa della Musica.
Dopo la maratona pianistica, i concerti delle fisarmoniche e dell’ensemble di mandolini del Conservatorio, oggi si replica con le interpretazioni con i repertori per pianoforte a quattro mani e due pianoforti e la maratona delle formazioni cameristiche.
Attesa per le due performance elettroacustiche in prima esecuzione assoluta. Nelle Corti del Conservatorio (ore 18) le «Vibrazioni Elettriche»: "s-Onda" e "PANopticon", realizzate da due ensemble interamente composti da studenti dei corsi di I e II Livello in Musica Elettronica.
Mentre alle 19.30 nella Cripta del Duomo – organizzato in collaborazione con Archeoclub Avellino - “Il meraviglioso viaggio di Mneme” con il duo d’arpe Maya Martini e Francesca D’Orsi; in contemporanea al Palazzo della Cultura di corso Europa l’Ensemble di Clarinetti del Cimarosa.
Dalle 19.30 tre eventi nei luoghi simbolo della città: al Duomo il concerto d’organo, mentre in Piazza Libertà saranno di scena l’Ensemble di Percussioni (ore 20) e l’Orchestra di Fiati diretta da Marcello Martella (ore 21.00).
Chiusura alle ore 22.00 con il "Tributo a Wayne Shorter". Sul palco dell’Auditorium “Vincenzo Vitale” il jazz di Maria Pia De Vito, Aldo Farias, Mario Nappi, Tommaso Scannapieco, Andrea Avena e Marcello Di Leonardo.

Ma la settimana del «Cimarosa» è ricca di eventi. Dopo la Festa della Musica il Conservatorio invaderà di suoni anche la provincia. Il 23 giugno nella Collegiata di Solofra (ore 20.30), i Maestri Pierfrancesco Borrelli e Maria Cristina Galasso dirigeranno l’Ensemble di strumenti antichi e il Coro del Cimarosa nell’interpretazione dello Stabat Mater di Tommaso Traetta per soli, coro, archi e continuo.

Menu